Il killer di John Lennon si pente,ma resta in carcere

28 agosto 2014

70 ANNI FA NASCEVA JOHN LENNON/ SPECIALEIl killer di John Lennon si pente delle sue azioni. Mark David Chapman, 59 anni, ha detto di essere stato un idiota quando l’8 dicembre del 1980 ha freddato l’ex Beatle a New York, di fronte a Central Park. Chapman si trova in una prigione dove sta scontando una condanna all’ergastolo. Davanti alla commissione che doveva decidere in merito, l’uomo ha sottolineato di aver riscoperto la fede religiosa in carcere e di essersi reso conto che si può scegliere tra Cristo e il crimine. Tuttavia, la libertà condizionata gli è stata nuovamente negata, perché c’è ragione di credere che Chapman possa essere recidivo e quindi violare di nuovo la legge. Fonte Ansa